Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

lunedì, settembre 30, 2013

Vandalismi Anticristiani in Emilia e non solo

Alcuni vandali al principio di Settembre hanno spezzato in due la statua in terracotta della Madonna Addolorata, opera di Cesarino Vincenzi, alle Caserme Rosse alla periferia di Bologna. 


La statua, che era stata già danneggiata due anni fa, è rotta in due parti.
 Dopo la profanazione della Madonna di Lourdes, in provincia di Bari, 
un altro fatto inquietante che attesta ulteriormente il clima di odio anti-cristiano presente non solo in "certi" paesi del mondo, ma anche nella nostra società.



La polizia municipale ha poi recuperato la parte alta del tronco e della testa consegnando le parti staccate ai servizi comunali, che hanno provveduto ad incaricare una ditta per il ripristino.

Più di recente, il 23 Settembre a Reggio Emilia vandali hanno incendiato un'edicola votiva della Madonna


 

Dopo gli episodi di Bari e Bologna ,
anche “Il Resto del Carlino“, del 21 settembre 2013, riporta il caso di vandalismo anti-cristiano di Reggio Emilia.
Come racconta il parroco della chiesa di Sant’Agostino, don Guido Mortari, nella notte tra sabato e domenica, alcuni vandali hanno dato fuoco a una piccola edicola votiva in via Cassoli.
Un pensionato che vive in zona, intervistato dal quotidiano emiliano, racconta: «Fortunatamente la statua della Madonna di Lourdes non è stata danneggiata. (…) Era chiusa dietro a un vetro e i vandali non sono riusciti a rompere il lucchetto. Ma tutto quello che hanno potuto, lo hanno rotto e bruciato». Il pensionato, che insieme ad altri parrocchiani si è adoperato per risistemare i danni, ha inoltre sottolineato «dovrebbero vergognarsi per quello che hanno fatto. Hanno spaccato i vasi di fiori e l’intera struttura è annerita dal fuoco».

Don Mortari ha spiegato come la statua della Madonna di Lourdes presa di mira dai vandali, «è una maestà storica, me la ricordo da quando ero bambino e ci passavo davanti (…) Tra l’altro è anche molto sentita dai fedeli, ci sono sempre i vasi di fiori davanti e nel mese di maggio ci andiamo a recitare il rosario».
Il triste episodio ha suscitato lo sdegno e lo stupore di tutto il quartiere, comprese le persone non credenti. La polizia ha avviato le indagini per risalire ai responsabili di questo stupido gesto.

Josh



Entra ne

4 commenti:

Massimo ha detto...

Gesti simili sono espressione di un animo spregevole. Da qualunque parte arrivino.

Nessie ha detto...

E' evidente che vogliono creare un'intimidazione religiosa in casa nostra e trasformare il culto della religione cattolica basato sull'iconografia, in qualcosa di strettamente privato e clandestino. Il fine è quello del ripristino delle catacombe.

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Taggo subito su Faccialibro, grazie...

Josh ha detto...

oltre ai soliti vandali e ai nemici dichiarati di sempre,
oltre ai nuovi nemici,
pur non sapendo chi sia stato,
colgo una concausa di qusti gesti anche nella ormai consueta demitizzazione simbolica che la Chiesa stessa ha fatto del proprio Credo e decoro dal Vat II in poi.

Se si toglie autorevolezza da sola, l'autorevolezza non le viene nemmeno tributata dagli oppositori, che si accaniscono anche di più.

Comunque sia, brutto segno.