Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

giovedì, luglio 04, 2013

Matrimonio e Adozioni Omosessuali: il Card. Caffarra e il Comunicato della Curia Bolognese


Il Cardinale Arcivescovo di Bologna interviene a proposito delle recenti  dichiarazioni del Sindaco Merola sul riconoscimento di matrimonio e adozioni per le coppie omosessuali



Le affermazioni fatte dal Sindaco di Bologna riguardanti il matrimonio e diritto all’adozione per le coppie gay sono di tale gravità, che meritano qualche riflessione.

Quanto da lui profetato come ineluttabile destino del Paese a diventare definitivamente civile riconoscendo alle coppie omosessuali il  diritto alle nozze e all’adozione è una battuta a braccio che costa poco: tanto non dipende dal Sindaco. Ma ciò non toglie la gravità di tale pubblica presa di posizione da parte di chi rappresenta l’intera città. E dove mettere il cittadino che non per fobia ma con motivate ragioni ritiene matrimonio ciò che è stato definito tale fin dagli albori della civiltà o ritiene non si possa parlare di un diritto ad adottare ma del diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre?

Davvero questo cittadino, con la sua cultura e le sue ragioni, è da giudicare incivile e fuori dalla storia, condannato a sentirsi estraneo in casa sua, perché non riesce a stare al passo del sedicente progresso?

Naturalmente ci sarà chi, riempiendosi la bocca di laicità dello Stato (che è cosa ben più seria!), ci accuserà di voler imporre una dottrina religiosa. Ma qui non c’entra religione o partito, omofobia o discriminazione: sono i fondamentali di una civiltà estesa quanto il mondo e antica quanto la storia ad essere minati; e forse non ci si accorge dell’enormità della posta in gioco.

Affermare che omo ed etero sono coppie equivalenti, che per la società e per i figli non fa differenza, è negare un’evidenza che a doverla spiegare vien da piangere. Siamo giunti a un tale oscuramento della ragione, da pensare che siano le leggi a stabilire la verità delle cose. Ad un tale oscuramento del bene comune da confondere i desideri degli individui coi diritti fondamentali della persona.


+ Carlo Card. Caffarra
Arcivescovo di Bologna
1° luglio, 2013


Qui Comunicato Curia

(nell'immagine in alto, 
Crocifisso fra la Madonna e S. Giovanni Evangelista in legno del sec. XII,

alla Cattedrale Metropolitana di S. Pietro a Bologna)
 


Entra ne

2 commenti:

Massimo ha detto...

Peccato che queste voci abbiano poca eco e, soprattutto, all'interno della stessa chiesa cattolica siano sovrastate dai decibel dei "cattolici adulti".

Josh ha detto...

In poche parole Caffarra è riuscito ad andare al centro del problema.

E' un pensatore sottile ed efficace che rifugge dai clamori e va al cuore delle questioni, senza strombazzamenti.

Per questo temo rimanga inascoltato, sia dall'andazzo generale, sia nella Chiesa stessa.

Non ha detto nulla in effetti contro gli omosessuali, nessuno può ululare di sentirsi offeso,
ma dice dell'esigenza per un bambino di avere una madre e un padre. Non vedo come non concordare con lui.