Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

domenica, giugno 09, 2013

Ossessione ius soli: Prodi e Kyenge a Bologna

Ed ecco di nuovo Prodi in tour (aveva invece minacciato di stracciare la tessera PD dopo la Presidenza trombata dai suoi stessi compagni di partito che l'avevano proposto) con il min. Kyenge, anche alla Festa MultiEtnica della Cirenaica a Bologna a perorare porta a porta, cervello per cervello ancora la causa dello ius soli s-dato via.
Continua il bersagliamento mentale quotidiano sul tema, e l'ossessione dei mondialisti. 


Non si vuole capire che non sta da nessuna parte che gli italiani abbiano "bisogno" di nuovi stranieri in Italia, con molta della popolazione italiana che si dà fuoco, s'impicca, o razzola nei bidoni della spazzatura per debiti o insolvenze varie, assenza di lavoro per aziende chiuse, e rapine fiscali
la cittadinanza va bene anche così,
ma prima di tutto  gli italiani hanno bisogno di lavoro, casa, pensione stabili.
E adottare politiche che non facciano chiudere migliaia e migliaia di aziende, come finora.

Addirittura si fa propaganda a martello, riporta infatti il Resto del Carlino linkato sopra che si è sostenuto che: “Lo ius soli lo adottano in tutto il mondo," cosa nient'affatto vera. 
In Europa a malapena Francia e Uk e con molti condizionamenti e paletti l'adottano in parte, eredità del passato, solo per via dell'interscambio naturale con i loro ex-imperi coloniali. 
Negli altri luoghi vige lo ius sanguinis e molti controlli, 
non l'abdicazione ai propri confini e alla propria sovranità.

Anzi, lo stesso Congo è contrario allo ius soli, lo dice lo stesso Ministro per l'Economia e il Commercio del Congo, Jean Paul Nemoyato  che in questo recente articolo/intervista afferma che:
in Congo "Prioritari sono i diritti e gli interessi dei congolesi e non quelli degli stranieri."  
E aggiunge:
«...A partir du moment où la nomenclature est publiée, si je trouve un étranger en flagrant délit, il sera expulsé»!
Prendiamo esempio da questo saggio e buon ministro. 

Josh

aggiornamento:

 Chi, straniero, si reca Congo per lavoro, per ottenere il visto deve avere un “atto di chiamata” diretta e presentare:

– Passaporto valido
– 24 fotessere
– Certificato penale pulito
– carichi pendenti in ordine
– Certificato di studio o specializzazione
– curriculum Vitae tradotto almeno in inglese
– Patente guida internazionale (se doveste guidare mezzi o vi capitasse di farlo)
– Certificato medico di buona salute
– Analisi sangue attestanti assenza HIV e malattie veneree
– Vaccinazione anticolera ed antitifo
– Vaccinazione febbre gialla
– Biglietto valido di andata e ritorno, open
– Denuncia dei contanti che si hanno e divise rispettive
– infine, a carico di chi vi ha chiamato a lavorare, c’è l’obbligo di garantire il vitto e l’alloggio ed il pagamento delle tasse d’ingresso e residenza temporanea per il periodo richiesto, che può essere trimestrale, semestrale od annuale; al termine del permesso di soggiorno, l’uscita dal Paese E’ OBBLIGATORIA."

un'altra testimonianza QUI.


Entra ne

6 commenti:

Eleonora ha detto...

Ti ho risposto da me ma ti copioincollo ciò che ho scritto anche qui:

Tutti i paesi hanno lo ius soli? Bhe, se parliamo d'america o d'inghilterra si... ma nel resto del mondo lo ius soli non esiste proprio. In olanda addirittura lo hanno modificato. Ovviamente mentono sapendo di mentire e fanno leva anche e soprattutto sull'ignoranza della maggior parte della gente. (ignoranza inteso come il non essere a conoscenza del significato dello ius soli, sia chiaro)

Nessie ha detto...

Prodi non si ferma neanche dopo essere stato pluritrombato dai suoi.
POi riflettevo...I bianchi in Sud Africa vengono squartati in due come cocomeri e ormai sono un'enclave sempre più sparuta e hanno abbandonato i territori africani. In compenso abbiamo ministri neri che fanno gli interessi non degli Italiani (come almeno sarebbe ovvio) ma dei negri stessi. Peggio di così...

Josh ha detto...

Prima Prodi diceva di essere deluso dal PD e voleva stracciare la tessera.

Poi gli è venuto in mente di tirare fuori il pullman della vecchia campagna elettorale

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/politica/2013/06/07/900795-prodi-tentazione-ritirare-fuori-pullman.shtml

Ora si è unito alla Kyenge perchè vede lo ius soli immediato come priorità per gli italiani che si suicidano oberati da tasse e senza lavoro nè casa.

Josh ha detto...

Indubbiamente la dinamica è quella.

In Sud Africa c'è stata la caccia all'uomo vera e propria dei neri contri i discendenti dei boeri che oramai vivevano barricati in casa, spesso oggetto di violenze e stragi.
Come la famosa tortura della gomma d'auto messa al collo, dai neri ai bianchi, a cui viene dato fuoco dopo averla imbottita di benzina, il cui esito è sempre essere arsi vivi.

Gli europei che hanno potuto hanno abbandonato i territori africani sia al Sud, sia nei paesi islamici sulla costa mediterranea.

In patria ovviamente hanno inseito miracolosamente ministri stranieri che vogliono far diventare italiani altri stranieri.

Dove e da chi andremo noi italiani, invece? non si capisce bene....

Nessie ha detto...

Prodi è un vecchio boiardo bastardo. Sta lavorando molto coi paesi africani, per questo si è unito alla Kyenge.

Josh ha detto...

Poco prima invece toglieva punti all'Italia dall'agenzia di rating cinese: roba da non credere!