Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

venerdì, maggio 10, 2013

"Clandestino!" quale altro tema per un concerto a Bologna?


Il mondialismo passa anche per le canzonette, promosso dalla sub-sub-cultura da centro sociale okkupato...
E non è nemmeno una novità: 
basta vedere tutta la differenza che passa tra un pezzo come
 "Imagine"  di John Lennon e uno come  "Europa Calling"  dei Von Thronstahl...
che rispecchiano la situazione più che reale tra 2 visioni contrapposte, 
mondialisti VS identitari, globalisti VS sovranisti.

Bologna opta, ovviamente, per il suo concerto per l'estate 2013, 
per mondialisti e globalisti nell'esaltazione dell'illegalità. 

"Clandestino" infatti era il nome dell'hit di qualche anno fa di Manu Chao.
Illegalità....che non sarà più tale non appena sarà abolito il reato di clandestinità, naturalmente, come chiede la Kyenge.
E intanto via di propaganda.



Annunciato a Luglio il Concerto al Parco Nord, Manu Chao si esibirà nella prima 15ina del mese, e per l'occasione il Parco Nord cambierà nome per diventare il Parco Joe Strummer (Clash). Manu Chao partecipò al Concerto anti G 8 nel 2001.

"Clandestino" fu l'hit dell'ex leader dei Mano Negra, 4 milioni di copie vendute con ritmi brasiliani, messicani e afrocubani,  
storie di vagabondaggi e colonna sonora di una massa migrante, 
inno al nomadismo e all'eversione, 
ma benedetta in sempiterno sempre e comunque dal bel pensare finto-libertario e antinazionale odierno. 

Qui il testo (e poi dicono che non c'è una simbologia culturale obbligata a riguardo)

Solo voy con mi pena/ Sola va mi condena/ Correr es mi destino/Para burlar la ley
Perdido en el corazón/ De la grande Babylon/Me dicen el clandestino/Por no llevar papel
Pa' una ciudad del norte/Yo me fui a trabajar/Mi vida la dejé/Entre Ceuta y Gibraltar
Soy una raya en el mar/Fantasma en la ciudad/Mi vida va prohibida/Dice la autoridad
Solo voy con mi pena/Sola va mi condena/Correr es mi destino/Por no llevar papel
Perdido en el corazón/De la grande Babylon/Me dicen el clandestino/Yo soy el quiebra ley
Mano Negra clandestina/Peruano clandestino/Africano clandestino/Marihuana ilegal

                                                      Clandestino (trad.)


Solo vado con la mia pena
Sola va la mia condanna
Il mio destino ? correre
per burlarmi della legge
Perso nel cuore
Della grande Babilonia
Mi chiamano clandestino
Per non avere documenti

In una città del nord
andai a lavorare
La mia vita la lasciai
Tra Ceuta e Gibilterra
Sono un confine nel mare
Un Fantasma nella città
La mia vita va proibita
Dice l' autorità

Solo vado con la mia pena
Sola va la mia condanna
Il mio destino ? correre
per burlarmi della legge
Perso nel cuore
Della grande Babilonia
Mi chiamano clandestino
Sono colui che spacca la legge

Mano Negra clandestina
Peruviano clandestino
Africano clandestino
Marijuana illegale

...

e te pareva che non usciva anche il diritto alla marijuana, 
e il diritto a "spaccare la legge" nella nazione d'altri?  
Lo dice pure la canzone.

E nessuno a cui venga in mente di chiedere ai cittadini italiani 
se pensano di poter ancora sostenere nuovi arrivi di miriadi?

Josh


Entra ne

3 commenti:

Nessie ha detto...

Che schifo di canzonaccia! Questa è apologia di reato e incoraggiamento al degrado ambientale.

Massimo ha detto...

E spendono soldi per l'effimero estivo per poi aumentare l'imu e frignare sui tagli centrali ai comuni ? Beh, io dopo tale concerto azzererei completamente i trasferimenti dallo stato e abolirei l'imu su tutte le case, poi che Merola si arrangi.

Josh ha detto...

Provano a farci il lavaggio del cervello per ogni dove,
ma l'Italia non è oggettivamente in grado di sostenere nuovi arrivi, proprio da un punto di vista numerico, del lavoro, di case e nostre risorse.

Lo sanno anche gli altri paesi UE che hanno constatato che il multiculturalismo è fallito (cfr anche il caso Australia che ha stretto i cordoni) e sono tornati allo ius sanguinis.