Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

venerdì, maggio 17, 2013

Anche il Papa si esprime sulle Scuole Cattoliche, nel frattempo il referendum bolognese...

«La scuola cattolica è preziosa: svolge un servizio educativo assieme alle famiglie. Il suo ruolo va riconosciuto» queste in sintesi le parole di Papa Bergoglio di questi giorni sul tema.

E arrivano in uno dei tanti momenti scottanti per la città di Bologna, che non avendo di meglio da fare (...) si è incaricata di un ennesimo referendum, quello sul finanziamento alle scuole private (tra cui come noto ci sono molti istituti cattolici)...quando sul tema ci sono già direttive nazionali chiare.

Ma i comunisti bolognesi si devono sempre distinguere per l'inopportunità (in un momento come questo, ripetiamo, con gli italiani che razzolano nel bidone della spazzatura e si danno fuoco, la priorità è la scuola laicista contro la scuola con valori religiosi? un accordo in atto dai tempi del sindaco Vitali) e imperterriti rispolverano il tema.

Il referendum sul finanziamento comunale alle scuole paritarie è così strutturato:  
_A per chi non vuole che i fondi vadano alle paritarie, e auspica quindi una scuola solo pubblica, su cui sanno di poter ben intervenire i "compagni" con i loro monopoli di pensiero auspicabilmente dalla culla alla tomba (anche se la scuola pubblica è già provato sul territorio non riesce a colmare tutte le necessità dei bambini, per le materne per esempio) ;
_B per chi ritiene di promuovere il sistema in cui solo una parte dei fondi vadano anche alle scuole private (specie in una situazione in cui le pubbliche non riescono a coprire il fabbisogno di posti)

Il PD ha in sè differenti idee sulle paritarie. Lo stesso sindaco Merola si dice a favore del B, pro paritarie, (anche Prodi) ma sappiamo che frange laiciste-ateiste più estreme non sono della stessa idea.

Interviene a caldeggiare la campagna pro A anche l’attore Riccardo Scamarcio, ...per quanto ci risulta non conosce a fondo la situazione bolognese, in cui non è tanto una questione ideologica a dover prevalere ma una questione di numeri di posti-scuola a disposizione. Anche Guccini, ovviamente, si schiera pro A. 
La data del referendum è il 26 Maggio.

un articolo

altro articolo 

polemiche a sinistra 

i sostenitori del punto A sono come sempre dittatoriali

Bagnasco giustamente contrario al referendum  

Aggiornamento

QUI invece la vicenda piuttosto silenziata (anche più del Monte dei Paschi) 
di una "scuola"-comunità pci-pds-ds-pd & co. :

Il Forteto 1

Il Forteto 2



Entra ne

4 commenti:

Massimo ha detto...

Io sono per una ipotetica opzione "C": basta scuola pubblica. I fondi per l'istruzione rimangano nelle tasche dei cittadini che per i loro figli sceglieranno la scuola (privata) che ritengono migliore, pagandola con i soldi recuperati con le minori tasse pagate. Nel frattempo mi godo lo scannarsi tra comunisti ;-).

Josh ha detto...

la sceneggiata di Vendola non mi piace per niente, e stavolta Merola gliele ha cantate....

tanto che M. ha detto pubblicamente che se queste sono le condizioni della "sinistra" gli è venuta voglia di dimettersi come Prodi...per quanto io non abbia molte delle idee di Merola, ha ragione in pieno.

Speriamo che lo "scannarsi tra comunisti" non porti una sinistra peggiore, tra Sel e pentastellati, che sono anche peggio

La scuola ha grossi problemi ideologici e di organizzazione, per cui capisco la tua opzione C :-))

Nessie ha detto...

Temo anch'io che il "soccorso rosso" dei pentastellati con l'aiuto dei vendoliani e di quelli che in Val d'Aosta non ci vanno per mettersi in aspettativa, sia anche peggiore di Merola e del Pd.

OT: A proposito di "intercettazione dei stambecchi del Gran Paradiso"...Ingroia pur di fare lo scansafatiche a casa sua, avrebbe fatto perfino lo sceriffo di Nottingham collettore di gabelle. E' proprio vero che al peggio non c'è mai fondo.

Josh ha detto...

ha vinto l'A!

ah ah

1700 bambini, se non ci fosse la legge 62, senza le private sarebbero a spasso.

la gente ha segatura al posto del cervllo.

ma i nostri "cari" compagnucci saranno ora più liberi di impostare la loro idea educativa stalinista statale, fatta di ore di cultura immigratoria e l'ora di gaiezza praticata, dalla culla alla tomba.

che roba.