Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

sabato, marzo 02, 2013

Un Grillino, Zeitgeist & Goldman Sachs

Come noto, per conoscere più approfonditamente il mondo di Grillo, bisogna andare a leggere il suo blog, dato il poco spazio concesso a Tv e Giornali italiani, che beninteso anche a mio avviso sono pilotati, in quanto proprietà di poteri forti e banche. 
Grillo non si concede appieno alla stampa italiana (che italiana lo è solo in parte), ma si concede comunque più volentieri sulle testate estere di Murdoch, dei Rothschild, della BBC che imparziali non sono.

L'ultradigitalizzazione grillina taglia fuori poco democraticamente i non digitalizzati, specie di mezza età e anziani, che non usano abitualmente internet.  Mica poco per uno che fino poco fa spaccava i pc in piazza, e ora li adora come dei.
Del resto, internet in sè e per sè, la digitalizzazione di tutta l'esistenza, è uno dei pallini di Grillo & Casaleggio.
In fondo lo stesso Marshall McLuhan  affermava "The medium is the message", ovvero s'arriva a un punto in cui il mezzo di comunicazione, al di là di ciò che contenga, è lui stesso il messaggio (che ti massaggia il cervello....)

Qualcosa passa però dai giornali italiani, in maniera neutra, su un neoeletto, con parole sue, e stavolta le riportiamo.
Dal Corriere (a circa metà articolo) riporto:

"Paolo Bernini, bolognese smanettone di 25 anni, già pony express: «Dovrò studiare bene la Costituzione.
La politica l'ho scoperta con il documentario Zeitgeist». Di che parla? «È il più visto della rete: parla di tutto quello di cui non si scrive mai, la massoneria, l'11 settembre, le religioni. Quando l'ho visto ci sono rimasto male: mi ha fatto vedere la realtà in un altro modo».


Infatti il punto è anche come se ne parla di religioni, di 11 settembre & co. E non è che ne parli solo Zeitgeist, un po' aleatoria come "Fonte".
Come molti italiani, non conosco questo giovane neoeletto, ma con tutta la stima e il rispetto per i Pony express, leggere che ci si appresta ad aprire la Costituzione DOPO esser stati eletti non rinfranca i cuori.  

Consola meno ancora l'idea che la propria Weltanschauung discenda da un documentario "indipendente" ZEPPO DI ERRORI STORICI come "ZEITGEIST".


[Su Zeitgeist The Movie, primo episodio della saga, si nota l'inquietante l'inquadramento del Cristianesimo in chiave mitica e non fideistica nè storica, che compara Gesù Cristo a un mito qualunque, come Apollo e Horus, proponendo una lettura esoterico-astrologica delle Scritture, e facendo mettere le mani nei capelli, per gli errori, non solo ai cristiani ma anche a storici, esegeti, storiografi, latinisti ed egittologi, tutti d'accordo con la falsità delle tesi del film]


Seguono anche altri film di Peter Joseph, fino alla fondazione del Movimento Zeitgeist
" ...che  ha come obiettivo l'eliminazione di concetti quali: istituzioni politiche, religiose, militarizzazione, istituti bancari, e quindi la transizione verso un nuovo modello socio-economico basato su una gestione tecnica e responsabile delle risorse, su una ripartizione ed una distribuzione svolte per mezzo di ciò che viene considerato metodo scientifico del ragionamento sui problemi e della ricerca di soluzioni ottimali. (...)"

E' chiaro che istituzioni politiche, banche, in alcuni casi siano giunti a una grossa crisi.
Il che dovrebbe portare a riforme e non a una liquidazione di ogni istituto, compresi quelli religiosi (e questa specifica già lascia intendere la forte marcatura ideologica da parte di chi si dice non appartenente a nessuna ideologia).
Invece qui siamo al NeoPositivismo, la scienza-dio-primo motore che risolve tutto (ci fosse uno scienziato dello stesso parere di un altro...ma la pretesa scientificità quindi perfezione dei principi pone l'OBBLIGO DEL CONSENSO), mischiato all'adorazione di Gaia Madre Terra (l'ecologismo),
con la collaborazione dell'ingegnere sociale Jacque Fresco, ideatore del Venus Project per una "società globale, pacifica e sostenibile".
(Fresco "Un'economia basata sulle risorse applica il metodo scientifico per l'interesse sociale e questo non è limitato solamente all'efficienza tecnica, ma considera anche il benessere della società dell'individuo e delle sue implicazioni. Questo è un buon sistema sociale se, alla fine produce felicità e coesistenza pacifica; è quindi importante sottolineare che con la rimozione del sistema monetario e le necessità primarie garantite vedremo immediatamente una riduzione globale del crimine...)

In pratica, un NWO globalista-mondialista new age tinto in rosa e verde, più "sistemico" e su grande scala, con "ingegneria sociale" diretta dall'alto degli "scienziati sociali", benedetto come sempre da Mordechai Levi alias Karl Marx, e forse un po' anche dalla Fabian Society, in vista del culto esoterico a Gaia - Madre Terra Deificata.

 
Si nota anche come siano cambiate velocemente le posizioni di Grillo nel periodo pre e post elettorale. Ora si dà alla guerra contro tutti gli statali, che siano manager o bidelle o medici o pericolosi uscieri.

PRIMA Grillo parlava:
_di uscita dall'euro/
_contro la Ue del Fiscal Compact e del MES/
_di uscita dall'Eurogulag

OGGI (dopo aver visto in giro Dario Fo & co) nella sua area si dice:
_rimanere nell'euro
_rimanere in Europa
_si dice sì alla patrimoniale
_si dice sì a moneta digitale e scomparsa del contante
_cassare stipendi e pensioni e mettere il preside e il primario chirurgo luminare (vero) e il manager ingiustamente iperpagato dell'ente parastatale pari alla bidella a 800 euro/mese, considerando già chi è proprietario di 1 abitazione (l'80% degli italiani) un pericoloso capitalista da tartassare. (Del resto, nel Venus Project si parla di scomparsa del sistema monetario, delle proprietà comunemente intese e di tutte le istituzioni, per prima se ne andrà la proprietà privata, in vista della "decrescita felice" alias impoverimento coatto per un pianeta fatto di agriturismi tra pale eoliche)


In pratica all'indomani del voto, Grillo si situa intorno ad un Comunismo Riconfezionato (con addentellati no global, mondialisti, nel mito della decrescita e della deindustrializzazione, rivoluzioni colorate con prospettive di "ingegneria sociale" 
con noi pirla come cavie)

IL PD infatti vi vede parte del suo stesso programma (Patrimoniale coatta e W euro/Euroopa, col primo passo del no contante.
"Porco boia - direbbe Bersani- l'è roba mia ! Ragassi non schersiamo, cos'è sta roba che c'avete voi il mio programma?" ).


A ribadire i cambiamenti, 
ci pensa il Prof. Gallegati, mente di area grillina, in questo pezzo sul Corriere.

Gli USA plaudono al "riformatore", i comunisti esultano al nuovo CHE.

 Per l'occasione, anche Goldman Sachs approva Grillo, dopo aver puntato su Monti, sul PD
(sul suo stesso sito), la stessa da cui uscirono Prodi, Monti, Draghi, Tononi, Papademos
("urca che compagnia!"- direbbe Bersani),
la stessa che secondo Der Spiegel truccò i conti di Grecia. E' ovvio che una potentissima banca d'affari si fiondi solo lì dove c'è da mungere e sottrarre dai contribuenti fessi, e che ami, per i suoi affari, ogni situazione di instabilità (in cui giocare sui mercati e acquisire primizie di Stato sottocosto).

Se aggiungiamo un po' di improvvisazione, un po' di balle alla Zeitgeist
il fatto di NON AVERE un Programma chiaro, e insieme un progetto MONDIALE, l'idea di rivoluzione continua ora appoggiata da una Banca ben nota
il futuro di scienziati sociali programmatori di esseri tra agriturismi e mafie di pale eoliche, la partecipazione di Casaleggio con le sue strane idee dell'uomo-macchina, idem quelle degli associati Sassoon (verdi americani globalisti, Al Gore) e Artom (decrescita "felice", chiusura di aziende come punto d'arrivo dell'ode alla bancarotta),
l'instabilità anche gestionale perpetuata dall'idea dei 5 Stelle della rotazione dei ruoli dei suoi eletti ogni 3 mesi, incompatibile sia con le regole del Parlamento italiano, 
sia con qualsivoglia idea di governo stabile,
il caos è servito.

Josh

cfr anche:
 http://www.riscossacristiana.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2240:la-settimana-politica-a-cura-di-mauro-faverzani-e-paolo-deotto-lunedi-4-marzo-2013&catid=54:societa-civile-e-politica&Itemid=123

http://www.ilgiornale.it/news/interni/casaleggio-techno-guru-esoterismo-e-fantasy-835557.html

Entra ne

5 commenti:

Massimo ha detto...

Grillo è un comunista. La maggior parte dei suoi elettori sono comunisti. La base di Grillo e quella del pci/pds/ds/pd vorrebbe l'alleanza tra i due gruppi. Ma Grillo è anche astuto e sa benissimo che l'abbraccio con i comunisti ortodossi sarebbe mortale per lui e riporterebbe in generale il Centro Destra al governo alle prossime elezioni. Del resto Goldmann, concreta come è, sta già prendendo le misure per comandare anche con Grillo ...

marshall ha detto...

Certo che se quel Bernini (?) ha studiato di politica allo Zeitgeist, che ho conosciuto per averne letto qui, allora siamo combinati davvero male, e tutti i nodi verranno presto al pettine, compresa quella solidarietà a quelli del Sulcis? Cosa farà loro avere a seguito della manifestazione di solidarietà espressa in loro favore?

Josh ha detto...

tutto vero,
mi premeva fermare questi punti
Zeitgeist/venus project, scomparsa della moneta e di tutte le istituzioni,
neomarxismo globale,
neopositivismo finto-scientista e smantellamento di umanità e civiltà tra i miti dei grillini (ne hanno parlato loro eh)

Ovvio che GS dopo che ha appoggiato tutti, pur di portare a termine "l'agenda spolpamento Italia" si appoggia a chi può ...

e ora dopo Pd e dopo Monti, prova con Grillo. Senza ritegno!

ma lui stesso non si mostra a noi eppure si concede a giornali e riviste estere, come a mostrarsi ai "suoi".

Nessie ha detto...

Temo che la strategia di Goldman sia un bel po' più complessa. G& S si serve anche di Grillo, per completare il lavoro di desertificazione, ma non solo. Usa tutte le corazzate possibili e immaginabili: da Monti a Bersani a Vendola (ci vuole un gay per far vedere che si è democratici) e ora Grillo col suo caos confusionale, ma molto molto aggressivo e determinato. Spiazzante, direi.

Josh ha detto...

Sicuro Goldman come tutto quel tipo di "poteri" lavorano sempre su più fronti. Anche in contemporanea.

La fregatura infatti è quella di credere di esser liberi di scegliere.