Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

giovedì, marzo 28, 2013

San Lazzaro ....come New York: fumo vietato all'aria aperta

« A sòn stè a la Fîra d' San Lâżar, oilì oilà... »

MA
Dal 30 marzo 2013 a San Lazzaro di Savena, ridente Comune di circa 30.000 abitanti alle porte di Bologna, entrerà in vigore un divieto di fumo cittadino.


Proprio così, nel paese Stop al fumo generale nei parchi pubblici, 
Stop fumo anche all'aria aperta:
anche nei gazebo, nei dehors di bar, ristoranti ed altri esercizi, 
e all'aperto ad una distanza inferiore ai due metri dalle soglie degli esercizi commerciali (cioè non si potrà fumare nemmeno sul marciapiede o per strada, contate un po' i 2 metri) e sotto le pensiline delle fermate degli autobus nè nei pressi.
I fumatori siano avvertiti, scatteranno multe salate.

E' un'idea del Sindaco Marco Macciantelli.


 L’ordinanza e’ stata adottata per garantire “una piu’ libera e salutare fruizione -soprattutto da parte dei bambini- delle aree verdi, con particolare necessita’ per quelle attrezzate a parco giochi e per il recupero di spazi liberi dal fumo, anche negli esercizi commerciali quali bar, ristoranti, gelaterie negli spazi esterni immediatamente adiacenti ad essi, in particolare nell’interesse della salute dei non fumatori”, spiega il Comune.

Tutti sappiamo che il fumo fa male, è gravemente dannoso in sè fisicamente ed è disturbante psicologicamente anche come dipendenza, ma ci sono già aree dove per legge giustamente non si fuma, e andrebbe comunque salvaguardata anche la libertà individuale.

Dato per scontato che il fumo nuoce,
non penso che i sanlazzaresi fumatori sputino il fumo specificamente in faccia ai bimbi.
Ma davvero
che il problema inquinamento e "qualità dell'aria" sia dato dalla sigaretta all'aperto?

San Lazzaro ha belle zone residenziali, parchi,
ma ha anche avuto la sua recente cementizzazione selvaggia antiestetica e antiecologica di coop edificatrici e di megasupermercati coop
aderì all'assurdo progetto di Bologna dei bus miliardari Civis-Christalis-Crealis-Crealis Neo con scelte demenziali per la viabilità e con sventramenti stradali, 
è un Comune fortemente industriale e assolutamente trafficato. 



Se non è solo che siamo manettari, o che siamo sotto un regime,
ma è che siamo davvero tanto attenti all'aria e all'inquinamento
certe ciminiere dei riscaldamenti centralizzati anni '70 andrebbero abolite, 
andrebbero convertite le emissioni delle numerose fabbriche del circondario, 
andrebbe monitorato il traffico intasatissimo in paese, con i suoi  irrespirabili FUMI....

D'ora in poi, cari fumatori, se ancora vi arrischierete a San Lazzaro, portatevi il metro avvolgibile per misurare la distanza di 200 centimetri dalla soglia degli esercizi commerciali prima di accendervi una sigaretta, perchè è vietato il fumo all'aria aperta.



Finora l'aria era di tutti, ora invece si lottizza anche quella.
Non si sa più come rubare i soldi in tasca ai cittadini.
La prossima multa? chi fa più di 100 passi uscendo da casa dovrà pagare perchè consuma il suolo pubblico.

Unica cosa decente del provvedimento, che doveva essere scontata da subito, il divieto “di gettare i mozziconi di sigaretta sulle pubbliche vie, sui marciapiedi, nei parchi, nei giardini pubblici, nelle piazze di tutto il territorio comunale”. Giusto.

San Lazzaro come New York. Infatti la decisione è simile a quanto intrapreso da circa 2 anni dal sindaco di New York, Bloomberg. Nella grande mela infatti non si può fumare nei parchi pubblici, nelle spiagge e nelle aree pedonali. Una multa di 50 dollari per chi non rispetta il divieto.

la pagina sul sito del Comune

Si è aperta ovviamente una polemica tra Comune e Commercianti che sostengono: Ben venga lo stop al fumo nei parchi e in particolare nelle aree verdi dove ci sono i giochi dei bambini. Ma vietare le sigarette nei dehors e fuori, e anche nei pressi di bar e ristoranti e a distanza, all'aria aperta, allarma moltissimo la Confesercenti.

nota personale: la Confesercenti ha ragione.
Sono un fumatore "occasionale"...giusto qualche sigaretta fatta a mano col trinciato....
Mi reco (recavo) a San Lazzaro a volte, per svago principalmente legato a parenti, amici, passeggiate nei parchi e shopping.
Dal 30 Marzo NON incontrerò più amici nè parenti a San Lazzaro, ma verranno loro da me a Bologna, o ci sposteremo in uno dei Comuni collinari limitrofi con parchi, Pianoro per esempio, dove non vigono divieti a cassare anche il tempo libero delle persone con l'aria lottizzata, 
mentre a poca distanza fabbriche inquinanti e un traffico selvaggio dalle emissioni mefistofeliche non vengono regolamentati. 

Non comprerò MAI PIU' nessun oggetto, nè gelato, nè elettroniche, nè altro a San Lazzaro, perchè non ho intenzione nè di prendermi una multa, nè di uscire col metro a misurare se sto fumando a 2 o 50 o 1,85 metri da un parco o da un ospedale pubblico o da un bar o da un marciapiede.
Non vorrei dover dare soldi a Macciantelli, visto che sono residente a Bologna e siamo già spennati da Merola e soci. Sempre che il divieto non venga esteso anche a Bologna.


E voi, avete già pagato la multa/tassa sulla vostra bolla d'aria? 
(ma vale solo per i fumatori, invece per inquinamento da auto, riscaldamento e industrie no)

Josh


Entra ne

4 commenti:

Massimo ha detto...

Simili corbellerie hanno sono un boomerang. Il fanatismo dei divideti come quello imposto a San Lazzaro è uguale a quello dei talebani che distruggono le statue del Budda o degli integralisti che in Nigeria ogni domenica sparano sui cattolici. Fui d'accordo con il divieto di fumo negli uffici e, prima ancora, nei cinema. Meno per i ristoranti. Ma adesso manca solo che, come purtroppo è accaduto negli Stati Uniti, sia proibito di fumare in casa propria perchè il fumo filtra attraverso porte e muri e la misura sarebbe colma. Spero di non aver dato una idea ai novelli Khomeini ...

Josh ha detto...

Hai ragione, si tratta di cieco talebanismo.

naturalmente, in questo periodo, in ballo ci sono fatti anche molto più seri per tutti noi,
ma anche queste decisioni danno la misura della "logica" con cui si procede se ci si affida a una certa parte politica.


Massimo ha detto...

Il signor ROMEO commenta:
Il fumo è la più stupida mortale e costosa trappola che l'uomo si sia mai costruito! Inoltre ha un vantaggio inestimabile: prima o poi porta ad un infarto cardiaco che abbrevia la vita del fumatore tanto da risparmiargli di morire di cancro ai polmoni! Smettere di fumare è la più saggia ed intelligente delle decisioni che una persona possa prendere per se stessa e per gli altri.
Ho provveduto a riprodurre il commento cancellando la parte finale che pubblicizzava un sito.
L'opinione del signor Romeo è legittima e che il fumo, meglio: l'abuso del fumo o un certo modo eccessivo di fumare, faccia male è anche condivisibile. Se permette, però, credo che ognuno abbia diritto a scegliere liberamente se fumare o meno e, soprattutto, non credo convenga a nessuno cadere nell'eccesso opposto a quel che accadeva alcuni anni fa, con un proibizionismo che arriva persino contro chi fuma all'aria aperta (e non danneggia nessuno tranne se stesso) o, in certe cittadine degli Usa, persino in casa propria.

Josh ha detto...

concordo Massimo, proibire il fumo all'aria aperta è pazzesco, ora al di là della salute.....

tanto più, farlo, parlando di ambiente sano (senza citare le altre innumerevoli fonti di vero inquinamnto), sa di assurdo.

Vero, in USA ci sono cittadine in cui è proibito il fumo anche in casa propria. Le libertà personali anche in alcuni luoghi d'Occidente sono un'utopia.

Aggiungo una nota di carnascialesca ironia:
in USA ci sono anche luoghi in cui la legge pretende di disciplinare, in casa, le attività sotto le coperte...
per esempio in alcuni stati USA è severamente proibito il rapporto orale in casa propria.

Al di là che mi domando chi possa vigilare e come, in questo caso:-))

Se la portassero qui anche questa legge, oltre al gusto della proibizione,
sono convinto che ci aggiungerebbero una multa esosa. Pur di spennare i cittadini non sanno più cosa inventarsi.