Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

sabato, febbraio 04, 2012

Paga, privato ! Paga due volte e taci !

L'ultima di Merola, il sindaco meridionale inopinatamente eletto dalla maggioranza dei bolognese ed elogiato da Napolitano per tale sua caratteristica, è l'annuncio di una revisione dell'aberrante regolamento comunale che obbliga i frontisti a tenere pulito e percorribile la quota di marciapiede prospiciente la loro proprietà.
Uno direbbe: se lo vuole modificare è giusto.
Però Merola lo vuole modificare cambiando l'obbligo di fare con una obbligazione pecuniaria.
Se non è zuppa è pan bagnato, si tratta sempre di ribaltare sul privato le inefficienze di un comune che, pure, spreme milioni in tasse, soprattutto adesso con Monti che ha ripristinato l'ici/imu, liberalizzando allegramente le aliquote e concesso altrettanto per le addizionali regionali (che abbiamo già visto nella busta paga di gennaio) e comunali.
Sgombro il campo da equivoci: pur essendo tutti frontisti, vi sono diversi casi in cui il problema è un altro ed io sono tra questi.
Quindi non scrivo per interesse personale, ma per interesse di giustizia.
Se il frontista che sgombra la neve o pagherà qualcuno mandato dal comuno per farlo, volesse, nelle calde serate d'estate, godersi un qualche leggero fresco posizionando un paio di sedie e un tavolo sulla sua quota di marciapiede, interverrebbero subito i vigili per reprimere questa intollerabile manifestazione di “privatismo” e, magari, anche multarlo (non guasta mai).
Qualcuno deve spiegare il senso per cui io dovrei pagare (o pulire) un bene che non mi appartiene e che non possso godere, quando verso soldi buonissimi nelle casse di un comune il cui compito principale è rendere praticabile la città.
Con la pioggia, con il vento, con il sole e con la neve.

Entra ne

2 commenti:

Josh ha detto...

Napolitano-Italia
Merola-Bologna
Schettino-Costa Concordia

muahaua :-)

Josh ha detto...

Non solo è fatto obbligo pulire davanti alla proprietà la neve (ormai è un metro)
(e se uno è anziano, chi diavolo glielo pulisce?) ma se non lo si pulisce ti arriva una multa salata.

Ancor più grave, quando le strade pubbliche nemmeno sono state sgombrate sto granchè, e ancora giovedì pom. per es. davanti agli Ospedali Rizzoli, Bellaria e Maggiore la situazione era nient'affatto buona.

Allora, il Comune non pulisce.
Devi pulire tu. Se non pulisci ti multa.
Tu comunque paghi tasse tali che doveva esser compresa anche la pulitura accurata come servizio pubblico.

Se poi d'estate davanti allo spazio prospiciente la proprietà che hai pulito,
vuoi mettere qualcosa di tuo, ti rimulta perchè è davanti alla proprietà, ma mica proprio tuo.