Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

giovedì, dicembre 15, 2011

Partito dei Divieti

In autunno cadono le foglie e cadono le maschere.
I comunisti che, con una brevissima parentesi, governano Bologna come se fosse cosa loro, non pensano alla vivibilità della città da parte dei bolognesi e imperversano con la politica dei divieti.
Pedonalizzazioni selvagge che oltre ad aver già penalizzato alcuni fine settimana, vorrebbero essere estese a tutti i giorni.
E adesso l’anticipo degli inutili e vessatori blocchi del traffico.
Con la scusa dell’inquinamento, invece di iniziare, come è ormai triste tradizione locale non evitate neppure dal commissario governativo lo scorso anno, dopo l’Epifania, hanno deciso di anticipare i giovedì della vergogna al 29 dicembre, con un corposo antipasto il 19 e il 20, proprio poco prima del Natale, quando ancora molti si godono il clima festoso e i negozi sono accoglienti per gli ultimi acquisti.
Ancora una volta mi resta incomprensibile tanto la pervicacia con la quale gli amministratori comunisti perseguono con sadico compiacimento ogni iniziativa che possa danneggiare il godimento di Bologna da parte dei suoi cittadini, quanto il masochismo della maggioranza degli elettori locali che insistono a votare per il pci/pds/ds/pd, addirittura mandando a Palazzo d’Accursio un sindaco espressione di una comunità, quindi di una mentalità, quella campana, ben distante e lontana dalla nostra.
Come ciliegina sulla torta questa giunta regalerà alla città l’ennesima offesa, ospitando, dopo averlo sollecitato, lo spettacolino degli omosessuali.
Ma quando i bolognesi reagiranno a queste vessazioni ?



Entra ne

domenica, dicembre 04, 2011

Come Merola rovina il Natale

Il 25 novembre sono state accese le “luminarie” di Bologna in onore del Natale e per cercare di dare alla città quel clima di allegria che caratterizza il mese di dicembre fino all'Epifania.
Le “luminarie”, come sempre, sono pagate dai commercianti e, per tutto ringraziamento, la giunta Merola ha pensato bene di chiudere il traffico nel centro storico (persino alle motociclette !!!) nel periodo natalizio, quando, cioè, maggiori sono le aspettative di incasso.
E il progetto di Merola è chiaro: chiudere per sempre il centro storico (persino alle motociclette !!!), consentire alle biciclette di girare contromano (aspetto il primo incidente …), insomma nel più puro e ortodosso stile stalinista: vietare, opprimere, multare, con una “giunta di polizia urbana” fondata sulla vessazione.
Un veroaguzzinaggio” sistematico contro i bolognesi.
Cosa, del resto, potevamo aspettarci da un sindaco che bolognese non è, ma neanche lontanamente, mentre invece, purtroppo, comunista lo è, dentro, fin nel midollo ?
Come se non bastasse, ecco il regalo di Natale ai credenti della giunta Merola: l'immissione provocatoria di associazioni omosessuali nella consulta per la famiglia (sic !).
Avanti così, allora, che prima arriveremo al fondo, prima potremo rialzarci.

Entra ne