Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

domenica, aprile 10, 2011

Manes Bernardini per la rinascita di Bologna


Le prime battute della campagna elettorale delineano le posizioni. Mentre i “civici” mostrano la corda, si chiariscono le posizioni tra la nomenklatura che ha portato Bologna sull'orlo del baratro e che è arroccata in difesa del cinquantacinquenne campano, ex assessore di Cofferati e le forze nuove che, raccolte attorno al trentanovenne avvocato bolognese Manes Bernardini, presentano la città che vorremmo.
Incredibile autogol Merola, già assessore di Cofferati, che attribuisce lo stato della città alla cattiva politica: ma lui dov'era ?
Ha buon gioco Bernardini nel ricordare le responsabilità del suo antagonista.
Singolare la pubblicità elettorale del mancato candidato sindaco della sinistra, Cevenini.
Ho visto questa mattina il suo manifesto: Bologna c'è, recita.
Forse un inconsapevole lapsus, perchè è facile pensare al tentativo di ricordare ai bolognesi che Bologna è presente nella lista del pci/pds/ds/pd, con Cevenini, appunto, visto che il candidato sindaco ha, ancora una volta, radici estranee alla città.
Peccato che, quand'anche fosse eletto con uno tsunami di preferenze, Cevenini al massimo farebbe l'assessore allo sport (giusto per ricordare che il Bologna è in serie A … a proposito: per chi avrà tifato, in cuor suo, Merola, oggi ?), ma a comandare sarà Merola.
Bologna ai bolognesi.
Non solo, quindi, come priorità nei servizi e nel vantaggi che doverosamente una amministrazione comunale deve mettere a disposizione, ma anche nella scelta delle persone.
Perchè solo chi conosce Bologna può comprenderne l'anima e non devastarla nelle scelte amministrative, come nelle scelte urbanistiche, sociali, economiche.
Con Manes Bernardini avremmo la speranza di rivedere la Bologna che abbiamo amato da bambini e che è stata violata da scelte incomprensibili che ne hanno corrotto l'anima.

Entra ne

Nessun commento: