Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

domenica, gennaio 31, 2010

Pro memoria per il futuro sindaco di Bologna


Quando Guazzaloca, pur con tutto il suo passato nell’Associazione Commercianti e nella Camera di Commercio, era l’ “Uomo Nuovo” di Bologna (prima di appiattirsi sulle posizioni dell’Udc) sosteneva che un sindaco non doveva fare politica estera o ideologica, bensì provvedere a coprire le buche nelle strade.
Allora la prima raccomandazione al futuro sindaco di Bologna è quella di spogliarsi da ogni ideologismo.
Lasci perdere i capricci degli omosessuali e il registro delle “unioni civili” (perché chi si sposa è incivile ?) , lasci perdere le battaglie ecologiste, la raccolta differenziata dei rifiuti (più costosa di quella indifferenziata !) , il blocco del giovedì e i continui soprusi nei confronti dei privato cittadini nel nome di scelte ideologiche, smaccatamente faziose, costose e inutili e pensi a riassaltare le strade di Bologna.
Ma non con un manto che si sovrapponga al precedente, bensì con un lavoro fatto a regola d’arte che presuppone prima la rimozione dello strato di asfalto vecchio, poi la messa del nuovo, per evitare che i tombini delle fognature si trasformino, a loro volta, in buche e trappoloni dolorosi per ciclisti e motociclisti, oltre a killer delle sospensioni e delle gomme di qualsiasi mezzo, anche a quattro ruote.
Ma non di sole buche è lastricato il buon governo di una città.
A Bologna nevica poco, però capita, come nell’inverno in corso, che abbondanti nevicate si sommino a temperature polari (alla faccia del “riscaldamento globale” raccontato dagli ecoambientalcatastrofisti).
Provveda, il buon amministratore comunale, a liberare non solo le strade, ma anche i marciapiedi dalla neve, cospargendo il sale per evitare i lastroni di ghiaccio che si sono formati e che restano anche tre o quattro giorni, per l’ignavia di una amministrazione che si nasconde dietro il dito della responsabilità dei “frontalieri”.
Esattamente come attribuisce ai soliti “frontalieri” l’obbligo di pulire e spargere il sale negli scivolosissimi portici che, sì, riparano, ma si trasformano in piste per chiunque (dai bambini agli anziani).
Sì, perché se i “frontalieri” avessero almeno dei vantaggi a compensare questi oneri, si potrebbe capire, ma se uno di loro osasse mettere una panchina, o un gazebo, o un ombrellone d’estate, ecco che, subito, arriverebbe l’incaricato comunale, in preda al ballo di S. Vito, che gli imporrebbe di toglierlo, affibbiandogli pure una multa.
Insomma: solo oneri e nessun vantaggio.
E, infine, il traffico.
La si smetta di creare ostacoli al traffico privato.
La si smetta di aumentare i parcheggi a pagamento.
La si smetta di cambiare i sensi unici, imporne degli altri, ampliare la zona pedonale
.
Bologna non ha la metropolitana per colpa della scelta ideologica del pci/pds/ds/pd che vi si oppose contro Guazzaloca.
Sempre per una scelta ideologica del pci/pds/ds/pd Via Marconi, larga arteria che era un piacere percorrere, è stata ridotta a due miseri sensi unici.
Il nuovo sindaco ha l’occasione per buttare a mare (mi verrebbe un’altra espressione un po’ più forte …) il passato e stipulare con i cittadini un patto: mai più vessazioni, soprusi nel nome delle scelte ideologiche, ma una sana amministrazione per consentire ai bolognesi di godersi Bologna.
E sottolineo “bolognesi”ma questo sarà argomento di un prossimo intervento.

P.S.: Come spesso accade, il post l'ho scritto alcuni giorni fa.
Oggi a Bologna, da prima dell'alba nevica e continua anche adesso.
Le strade sono imbiancate e passano solo gli spazzaneve.
I marciapiedi sono coperti da una coltre bianca, soffice, sulla quale si può camminare.
Ma da domani è prevista una temperatura abbondantemente sotto le zero.
Se gli ammnistratori ancora al loro posto in attesa del Commissario non si muoveranno, i marciapiedi diventeranno una enorme lastra di ghiaccio per tutta la settimana.
Pessimi amministratori quelli che lasciano i propri cittadini camminare su lastre di ghiaccio ...


Entra ne

1 commento:

Josh ha detto...

Trovo inqualificabile, prima, che Guazzaloca, dalla 'lista civica' già di nebulosa valenza politica, sia passato a una fotocopia dell'udc,
ma adesso!
Guazzaloca che si è augurato come sindaco Prodi!
Un altro comunista travestito.

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/politica/2010/2-febbraio-2010/anche-guazzaloca-prodi-uomo-giusto-1602390929347.shtml

Prodi è l'uomo giusto, dice: buonanotte. E' giusto stia in pensione. Ci manca anche qui, di nuovo, a far danni, non ne avesse fatti a sufficienza in EU e alla Presidenza del Consiglio.

Inizio a pensare che Bologna meriti un commissariamento 50ennale: chissà se certe teste di....passino a miglior vita nel frattempo e potremo cambiare in TOTO classe dirigente.

Mi auguro una figura da destra: quindi non pdl, che qui tanto è inspiegabilmente finiano,
e la Lega è inascoltata e messa da parte.