Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

giovedì, marzo 05, 2009

Bologna:aspiranti sindaci con poche idee

Definite le candidature del primo turno e piazzati pedoni, alfieri, torri e cavalli, aspettiamo le prime concrete proposte degli aspiranti sindaci.
Buio totale a sinistra dove è in atto una sorda lotta tra “fratelli coltelli” e dove l’aspirante sindaco con maggiori probabilità di successo riesce nell’impresa eroica di criticare, persino sul traffico !, l’attuale giunta, dello stesso colore di quella che realizzerebbe lui: cosa non si farebbe per prendere le distanze da una esperienza fallimentare !
Per il resto una campagna grigia come il candidato che la incarna.
Nel Centro Destra le cose non vanno meglio.
Nonostante il dichiarato appoggio “ufficiale” del “partito di centro, moderato e liberale” (ma non ancora con una presa di posizione ufficiale di Berlusconi: per questo sono stati schierati pedoni, alfieri, cavalli e torri, ma non re e regine !) Alfredo Cazzola non riesce a decollare.
Troppo polemico, troppo “contro”, e poco, molto poco, propositivo.
Di lui, finora, annotiamo il suo “pallino”, lo stadio a 30 chilometri da Bologna: una sciocchezza visto che il Littoriale (ora Dall’Ara) è un piccolo gioiello con un prato che esalta le doti dei calciatori di classe e il rifiuto di simboli e assessori di partito (saranno contenti quelli del pdl …).
Sul versante dell’altro front runner, la proposta inizialmente “innovativa” di Guazzaloca è stata fortunatamente messa in archivio.
Chiedere a Intesa Sanpaolo di rinunciare alla Carisbo con un complicato meccanismo di cessione di azioni, ma conservando gli oneri di offrire i servizi centralizzati è probabilmente stata meglio analizzata come una sventatezza di inizio campagna elettorale.
Tolta una gaffe se ne fa un’altra e Guazzaloca, nella città che da due secoli ha le Pattuglie Cittadine, nega validità alle ronde.
C’è da augurarsi che anche il rifiuto delle ronde venga archiviato senza ulteriori approfondimenti.
Dei “minori” che dire ?
Non hanno copertura mediatica e spesso non sono neppure in Rete, tanto che l’unico modo per conoscere qualcosa di loro è ascoltarli di persona quando si riesce, attraverso il difficile “tam tam” del passaparola, a sapere dove parleranno.
Ed è dai “minori” che si captano alcune manifestazioni di interesse per i reali problemi di Bologna che sono: ordine pubblico, sicurezza, traffico, manutenzione delle strade.
Ma sappiamo benissimo tutti che il voto ai “minori” sarà un meritorio voto di protesta e di controllo, se entreranno in consiglio comunale, su chiunque sarà eletto, come ha sin dall’inizio dichiarato Stefano Morselli che rimane l’unico ad aver preso una chiara e responsabile posizione di appoggiare al secondo turno il candidato del Centro Destra che sarà meglio piazzato.
Ovviamente, aggiungo io, se accetterà l’apparantamento ufficiale con tutte le liste dei candidati minori e non pretenderà di fare la principessa sul pisello.

Entra ne

Nessun commento: