Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

giovedì, settembre 18, 2008

Mi ha scritto il sindaco forestiero

E come ha scritto a me, altre migliaia di cittadini hanno ricevuto uno sproloquio firmato oltre che da lui, dall’assessore all’ambiente della sua giunta.
L’argomento: la raccolta differenziata dei rifiuti, cioè uno dei totem del “politicamente corretto”.
In sostanza l’ennesimo disturbo che viene arrecato ai cittadini che già pagano fior di quattrini la “tassa sul rusco” e adesso, a fronte di una evidente incapacità a gestire i rifiuti dei bolognesi, vengono coinvolti in prima persona per “aumentare la percentuale di materiale raccolto in modo separato” e “migliorare la qualità dei rifiuti raccolti” (?!?).
No, dico, con la raccolta differenziata si "migliora la qualità dei rifiuti" ?
Imparo così che “Dal 3 novembre … i cassonetti stradali verranno sostituiti da una raccolta con sacchi e appositi bidoni che le verranno consegnati”.
Prima domanda: e dove li metto, non tanto i sacchi, ma “gli appositi bidoni ?
Il delirio ecoambientalista prosegue sintetizzando quel che dovrei fare: “separare le seguenti tipologie di rifiuti: organico, carta, vetro, plastica”.
In pratica quel che prima raccoglievo in un unico sacchetto, facilmente “archiviabile” nei cassonetti della raccolta indifferenziata, adesso devo suddividere in almeno 4 contenitori (e quel che non rientra nelle categorie elencate ? Un quinto contenitore ?) con quali scendere le scale e deambulare “per … conferirle all’esterno della sua abitazione, la sera prima del giorno di raccolta stabilito”.
Ne deduco che non tutti i giorni posso smaltire i rifiuti, ma devo tenerli fino al “giorno di raccolta stabilito”.
E dove li tengo ?
In casa, no di certo, visto che l’odore non sarebbe gradevole.
Sindaco foresto e assessore non me lo dicono.
Minacciano invece un “programma di tutoraggio” cioè “ogni spiegazione e dettaglio della raccolta verranno … illustrati in un prossimo incontro che si terrà presso il domicilio di ogni famiglia”.
Poi ci daranno sacchetto e bidoni (e anche paletta e secchiello ?).
L’ennesima incapacità amministrativa che viene scaricata sui cittadini.
Personalmente farò solo ed esclusivamente quello che sarò obbligato a fare, sicuramente senza alcuna disponibilità ad aiutare una giunta che prima sarà sostituita, meglio sarà per tutti, perché il problema di Bologna non è la raccolta differenziata o indifferenziata dei rifiuti (questa è solo una paturnia, un solipsismo degli ecoambientalisti), ma rendere vivibili le strade, asfaltarle, tenerle pulite sia dai rifiuti, sia dalla piccola criminalità.

Entra ne

Nessun commento: