Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

lunedì, ottobre 16, 2006

Ascensore nella Torre degli Asinelli ?!?!?


L’ultima che ho trovato al ritorno a Bologna, è un servizio di Carlino Bologna sull’ipotesi di montare un ascensore per raggiungere la sommità della Torre degli Asinelli, la più alta della città.
A me sembra una bestemmia.
Non credo che i bolognesi salgano tutti i giorni, più volte al giorno, sulla Torre, e quella ascensione resta un momento tutto da godere: la fatica, la lunghezza, il fiatone, i gradini, i pianerottoli, tutto come era una volta (certo, puntellato e assicurato per garantirne la stabilità) ma che verrebbe completamente stravolto da un ascensore (suppongo metallico) e presumibilmente, viste le dimensioni interne della Torre, con una portata da poche persone.
Volete poi mettere quanto perderebbe in fascino, per i bolognesi, ma anche e soprattutto per un turista, la Torre se, invece di raggiungere la sommità con le proprie gambe e con la soddisfazione di esserci arrivato, dovesse utilizzare un asettico ascensore (che magari usa tutti giorni dell’anno a casa e in ufficio) ?
E come sarebbe affollata la Torre che, spesso, è bella proprio per la naturale selezione che produce !
Mi ricordo che alcuni anni fa fui convinto a salire (d’estate) al Corno alle Scale (montagna del bolognese) per i Balzi dell’Ora.
Un percorso più che fattibile, ma che presenta alcuni strappi che fanno la selezione.
Non c’era nessuno: che bello !
Quando arrivammo in cima, scoprimmo anche il perché.
Quell’estate avevano aperto la seggiovia che serviva d’inverno agli sciatori e la cima del Corno brulicava di gente improbabile per la montagna.
Arzille signore con mocassini o scarpette da passeggio, bambini che neppure sapevano camminare inzainati sulle spalle dei genitori e comitive di pensionati.
Il fascino della montagna che è anche il fascino della solitudine semplicemente non c’era.
Mi auguro che, per quanto forestiero ed estraneo al sentimento della città, persino il sindaco sindacalista capisca queste semplici verità e rifiuti di acconsentire a deturpare la Torre degli Asinelli violentandola con un ascensore, per lasciare intatto il fascino della salita, gradino dopo gradino, con l’impressione di essere cavalieri del medio evo che salgono verso il Paradiso.

Entra ne

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Se mettono l'ascensore sulla torre degli asinelli perche non fare i tortellini con il TOFU? BOLOGNA AI BOLOGNESI! Basta con questo sindaco che non sa neanche da che parte è girata bologna! Meglio un salumiere che un sindacalista! Almeno il salumiere sa far quadrare i conti alla sera... I SINDACALISTI COME LUI LA' ROMPONO I MARONI E BASTA! (tra l'altro è l'unico sindaco che sta sui m,aroni sia a destra che a sinistra...)
complimenti x il blog
un solo difetto... brutta roba essere biancoblu...quest anno son cazzi!
baldo1986@katamail.com

Lo PseudoSauro ha detto...

Beh, il trasformare le due torri in meta di turismo di massa era un'idea vecchia, ancorche' demenziale... pensa un po' quanto durerebbe un'opera dell'epoca comunale se assaltata da migliaia di turisti... e poi, tecnicamente, non potrebbero che mettere un ascensore esterno, il che migliorerebbe l'impatto estetico. Mal che vada la si puo' impacchettare come usa fare Christo... ABOLIZIONE DELLA LEGGE BASAGLIA E INTERNAMENTO COATTO IN APPOSITE STRUTTURE (ANCHE NON ATTREZZATE). Mi parrebbe il minimo. :-)

Anonimo ha detto...

Basterebbe l'espulsione coatta nei paradisi rossi (Cuba, Venezuela, Cambogia, Corea del Nord) rigorosamente sprovvisto di carta di credito, bancomat, carnet di assegni, traveller's cheques e, naturalmente, contanti...
P.S. Da fedelissima biancoblu preferisco che a parlare siano i fatti e non speranze altrui...
Meg

Monica ha detto...

Monica, fedelissima bianconera a 1/2 dal derby, è ancora il tempo delle speranze...Fra poco ne resterà uno solo.

Grande VIRTUS!

Ciao Monsoreau...(dalle 12.00 alle 14.00 non mi disturbare please!)
Baci

Monica ha detto...

WOW!!! Virtus 64 - Fortiduto 60

Grazie ai Cugini di Campagna che ci hanno fatto divertire un sacco!!!

E ci hanno dato la possibilità di guidare la classifica!

Alla prossima Mons.

Baci

Monsoreau ha detto...

Maggio è lontano ... il campionato è una maratona, non sono i 100 metri :-D

marshall ha detto...

E' lodevole l'idea, se il pensiero è andato alla fruibilità per disabili.
Ma loro, i disabili, non la vogliono.
Vogliono che resti così com'è.
Piuttosto, se proprio hanno di questi slanci altruistici, consiglierei loro di dotare Bologna di quei "servizi" e "comodità" - se già non le hanno - veramente utili per turisti disabili.