Web blacknights1.blogspot.com
penadimorte.blogspot.com svulazen.blogspot.com

Il cinno torna a casa da suo padre comunista, poi PDS,quindi Ds con il cuore bertinottiano ed ora Pd."Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude comunista non capisce e non si adegua:"Non dire sciocchezze!".Il figlio insiste:"Papà,papà,i coccodrilli volano!".Il rude compagno sembra scoppiare:"E' quella fascista della maestra a dirti queste bugie?"."Papà,l'ho letto sull'Unità".Il vecchio compagno si affloscia,non capisce ma si adegua:"Volano, volano ... svulazen ... svolazzano".

sabato, ottobre 29, 2005

La legge del contrappasso

Avevamo iniziato questo blog con l'intenzione di farne una bacheca degli orrori della sinistra amministrazione in Emilia Romagna.
Così abbiamo archiviato interessanti articoli di stampa relativi al fallimento della Coop Costruttori di Argenta che ha bruciato i risparmi di centinaia di persone, fedeli al partito (PCI/DS/PDS naturalmente) renddendo manifesto come la Lega (rossa) delle cooperative non abbia affatto quella connotazione sociale che cerca di millantare.
Abbiamo anche articoli di giornali relativi a consulenze e stanziamenti assurdi, privi di un qualsivoglia ritorno per i cittadini amministrati, da parte di giunte che piangono miseria per i tagli apportati dal governo centrale ai trasferimenti di risorse.
Ad esempio i finanziamenti erogati ai "fratelli" (in comunismo) cubani e le innumerevoli kermesse pseudoculturali con le quali siforaggiano improbabili "artisti" monocolori e monocordi.
Abbiamo un pezzo sulla libertà di circolazione conculcata dalla giunta regionale, con la complicità di numerose giunte provinciali e comunali, per i divieti (nel nome dell'ambiente !!!) imposti ad automobili anzianotte, pur se dotate del famoso "bollino bli" il cui obbligo peraltro permane: una soluzione tipicamente comunista, l'imposizione di divieti.
Ma l'attualità non fa sconti e così dobbiamo, ancora una volta, dar conto dell'attivismo del sindaco sindacalista cremonese, insediatosi oltre un anno fa a Palazzo d'Accursio, che oggi è stato paragonato sulle colonne del principale quotidiano cittadino a Nicola Bombacci, socialista e fondatore nel 1921 del partito comunista, che terminò la sua parabola assassinato accanto al Duce.
Non c'è che dire per l'antico agitatore delle piazze una bella conversione, per chi lo ha eletto una bella sorpresa.
Dopo aver passato un anno a perdere le opportunità create dalla Giunta Guazzaloca (ad esempio la metropolitana bocciata per ragioni ideologiche, così ora la soluzione veramente "sociale" dei comunisti emiliano romagnoli è proibire il traffico a chi non ha acquistato una automobile in tempi recenti) il barricadero di un tempo si è sistemato dalla parte opposta della sua barricata di un tempo.
Dopo la campagna sui lavavetri, quella sulle baracche del lungo Savena, adesso è il turno del Livello 57, una delle zone più degradate di Bologna, dove una variegata umanità (?) ha trovato la sua tana.
Che dire ?
Vada avanti così, signor sindaco, ma non sarebbe stato meglio continuare nella politica di Guazzaloca: sana amministrazione e dialogo per piccoli passi, invece di buttare a mare la metropolitana e governare per editti imperiali e con il bastone ?
Come avrebbe reagito il sindacalista di un tempo, oggi abbandonato e criticato anche dai suoi compagni di merende di allora, Epifani e Pezzotta ?
Ma, soprattutto, quanto si può fare affidamento delle promesse dei politici di sinistra, che a seconda del ruolo ricoperto, scoprono vocazioni e assumono decisioni tra loro in contrasto ?
Alla prossima puntata o ... alla prossima conversione a "u" ...

6 commenti:

ispirati ha detto...

cosa e' svulazen?

Lo PseudoSauro ha detto...

E' scritto vicino al logo, pollo :-) Come va con l'aviaria?

Anonimo ha detto...

molto interessante, i "comunisti" sono sempre all'avanguardia parolaia.
I fallimenti e le truffe in emilia sono sempre benedette dal dio che è fallito.
W KOESTLER!

Stars&Stripesforever ha detto...

Tutto potevo pensare di Cofferati, tranne che facesse sua la politica dell'incoerenza come un qualsiasi Mastella.
Un motivo in più per non aver fiducia nè stima in lui.

ispirati ha detto...

ah, la prossima volta staro' piu' attento...

per ora la febbre va bene... del resto si sa che e' una bufala! ;)

Monsoreau ha detto...

In effetti la barzelletta da cui prende il nome questo blog è scritta un po' in piccolo (e occupando tutti i caratteri disponibili), ma credo renda perfettamente l'idea di chi vota comunque quel che dice il partito.
A tal proposito ce ne sarebbe un'altra, quella del palazzo a 4 piani, costruito senza i servizi igienici ... qualcuno la conosce ? ;-)